Studenti Presentano il Liceo

Piattaforma Infoscool registro elettronico

 

Piattaforma Moodle Liceodoria

Piattaforma Moodle Liceodoria

 

Stazione Meteo A.D’Oria

Stazione Meteo A.D’Oria

 

“Progetto Siracusa 2018”

Progetto Siracusa 2018

Quest’anno gli alunni del Liceo D’Oria saranno impegnati in una tragedia di Eschilo, “Le supplici”. la meravigliosa potenza di un testo classico di 25 secoli fa rivive attraverso l’interpretazione di giovani studenti che, con passione e impegno, portano sulla scena grandi temi attualissimi: l’accoglienza verso lo straniero, il diritto di asilo, la libertà delle donne, lo scontro politico fra monocrazia  e democrazia.

 

“I classici ci parlano, non sono dietro di noi, ma sempre avanti”: il cammino del Progetto Siracusa

Inserito dal 2010 nel POF del Liceo D’Oria,  il “Progetto Siracusa” vede la nostra partecipazione al “Festival del Teatro Classico Giovani” di Palazzolo Acreide (SR), in collaborazione con l’Istituto Nazionale del Dramma Antico (INDA). palazzolo-acreide

Sei sono  gli spettacoli finora allestiti, “Coefore” (2010) e “Sette a Tebe” di Eschilo (2013), “Miles Gloriosus” di Plauto (2014), “Baccanti” di Euripide (2015) , “Antigone” di Sofocle (2016),  “Processo a Verre” (2017), realizzati con la regia di Enrico Campanati.

Gli spettacoli sono stati poi riproposti al pubblico Genovese nei teatri cittadini, in particolare “Sette a Tebe” il 7 giugno 2013 come omaggio ai caduti della Torre Piloti del Porto di Genova, avvenuta un mese prima, e a novembre 2013, nel contesto del Festival dell’Eccellenza al Femminile. Le “Baccanti” sono state  rappresentate al Teatro dell’Arca, all’interno della Casa Circondariale di Marassi, a dimostrazione della valenza educativa, sociale e civile che il teatro ha dai tempi lontani delle sue origini.

tea7

Per l’anno scolastico 2016 – 2017 il Progetto Siracusa ha collaborato con Comune di Genova, Città Metropolitana, Movimento Agende Rosse Falcone Borsellino, Liceo D’Oria e Teatro Stabile di Genova per realizzare lo spettacolo “Processo a Verre” (dal testo di Mario Prosperi e Renzo Giovampietro, liberamente tratto dalle “Verrine” di Cicerone).